Storia della Norvegia

Il periodo post bellico in Norvegia

Norvegia post-bellicaDopo la fine della seconda guerra mondiale, ci fu un accordo generale che la priorità diventava quella della ricostruzione della Norvegia. Nelle elezioni del 1945 il Partito laburista ottenne la maggioranza. Il governo venne guidato da Einar Gerhardsen. Lo sviluppo economico fu più rapidamente di quanto i politici avevano previsto. Nel 1946 sia la produzione industriale e il PIL superarono le cifre avutesi nel 1938. Negli anni del '48 e '49 il capitale del paese era ben al di sopra del livello pre-bellico. Furono questi anni caratterizzati da una crescita costante e del progresso. Immediatamente dopo la seconda guerra mondiale, la Norvegia ha mantenuto un profilo molto basso nella politica estera. L'intenzione era di rimanere al di fuori di potenziali conflitti tra le grandi potenze.

Mentre ebbero inizio le tensioni Est-Ovest, la politica norvegese fu orientata verso l'occidente, visto anche il ruolo nella cooperazione del Piano Marshall, ricevendo 2,5 mila milioni di NOK 1948-1951. Nel 1949 la Norvegia aderì alla NATO. Dagli anni sessanta la Norvegia si proietta con forza verso un promettente futuro, grazie alle esplorazioni petrolifere del Mare del Nord.

 



Voli economici per la Norvegia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...