Storia della Norvegia

L'epoca dei Vichinghi

Vichinghi NorvegiaIn lingua norrena la costa occidentale e settentrionale della Norvegia era chiamata Norðrvegr -la strada per il nord. Questo nome ha dato origine alla maggior parte delle pronunce europee. Dopo che l'impero occidentale di Roma cadde vittima dei Goti e dei vandali, verso la fine del IV secolo, diverse tribù e nazioni si ritrovarono a caccia di nuove terre inabitate. Un numero imprecisato di slavi e Goti lentamente salirono verso nord prendendo possesso delle terre che oggi sono Finlandia, Danimarca, Svezia e Norvegia. Il nome Vichingo in un primo momento (c. 800) ha significato un uomo proveniente dalla Vik, l'enorme baia che si trova tra Capo Lindesnes in Norvegia e la foce del fiume Göta in Svezia e che è stato chiamato Skagerrak dal 1500.

I nordici coloni si svilupparono nel loro nuovo ambiente, vivendo di pesca e l'agricoltura e istituendo una società semplice basata su dei re locali. Diventeranno poi noti nella storia per le loro abilità di navigatori e per le lunghe barche e per aver colonizzarono le coste di gran parte d'Europa, e ancora, le isole Shetland, le Orcadi, le Faroe, l'Islanda, la Groenlandia e il Terranova nell'America Settentrionale, arrivando fino alle coste del Nord Africa e anche ad est fino alla Russia e a Costantinopoli. Ci sono prove archeologiche che i Vichinghi raggiunsero la città di Baghdad, il centro dell'impero islamico.

Un piccolo pugno dei re locali presero nel tempo il controllo di grandi quantità di terra, incominciando anche una campagna espansionistica e pianificando le spedizioni oltremare. Nel 793, ebbe luogo la prima documentata incursione, quella di Lindisfarne, nella costa nord orientale dell'Inghilterra, con il saccheggio del famoso monastero. L'incursione dà ufficialmente inizio all'era dei Vichinghi, che va appunto dai primi saccheggi documentati fino alla conquista normanna dell'Inghilterra nel 1066. Si deve precisare tuttavia che i Normanni erano discendenti dei vichinghi danesi, ai quali venne data signoria feudale nelle aree del nord della Francia, il ducato di Normandia, nel X secolo.

I vichinghi norvegesi si espansero al nord e ad ovest di luoghi come l'Irlanda, l'Islanda e la Groenlandia, i vichinghi danesi in Inghilterra e in Francia, stabilendosi nella Danelaw (nord / est Inghilterra) e la Normandia, e i vichinghi svedesi ad est. Queste nazioni, sebbene distinte, sono state simili per cultura e lingua. Solo dopo la fine dell'era vichinga i regni acquistarono identità distinte come nazioni.

Agli inizi del IX secolo i vichinghi erano tra i pochi popoli del mondo medievale ad avventurarsi fuori del proprio territorio. Ma solo alcune navi presero parte alle incursioni vichinghe iniziali; la flotta aumentò con il tempo, tanto che quella che salpò verso ovest in Inghilterra, Scozia, Francia e Irlanda era composta da molte centinaia di navi. Gli uomini del Nord, avranno pur incominciato come predoni e saccheggiatori, terrore di molti, ma erano anche abili commercianti e amministratori. Hanno fondato città come Dublino, e le colonie come la Normandia, in Francia. Dal 879-920 colonizzarono l'Islanda, che a sua volta divenne una base per la colonizzazione della Groenlandia.

Nel 986 il norvegese Eirik Thorvaldsson, conosciuto come Eirik il Rosso, esplorò e colonizzò la parte sud-occidentale della Groenlandia. Il figlio, Leiv Eiriksson, divenne uno dei primi europei a mettere piede sulle coste del Nord America. Egli fu il primo europeo ad aver toccato terra americana, 500 anni prima di Cristoforo Colombo. Secondo la saga Groenlandia, sempre definita come storicamente affidabile, la scoperta Eiriksson non avvenne per puro caso. La saga racconta che egli allestì una spedizione navigando verso ovest, nel tentativo di raccogliere la prova delle affermazioni fatte dal commerciante islandese Bjarni Herjulfsson. Nel 986 Herjulfsson, spinto fuori rotta da una violenta tempesta tra l'Islanda e la Groenlandia, avrebbe riferito di un insolito avvistamento: colline fortemente ricoperte da foreste, molto più ad ovest di quanto sia la terra della Groenlandia. Herjulfsson, che si dice essere il primo europeo ad aver visto il continente del Nord America, ma non mise in effetti mai piede sulle sue rive.

Leiv Eiriksson, incoraggiato dalla corrente delle scoperte e dal costante bisogno di terra da coltivare, acquistata la nave di Bjarni partì per la sua esplorazione. Seguì il percorso di Bjarni al contrario effettuando tre approdi: il primo di questi venne chiamato Helluland,, oggi generalmente considerato il Labrador. Il secondo era Markland, forse Terranova. La posizione esatta del terzo, che è stato chiamato Vinland e potrebbe essere stato il più a nord del nord di Terranova, ma anche l'estremo sud di Cape Cod o addirittura al di là di questo. Eiriksson e i suoi uomini trascorsero l'inverno in Vinland, in un luogo che chiamarono Leifsbud-IR, tornando alla Groenlandia l'anno successivo, 1001, e che molto probabilmente è stato identificato essere in quello che oggi è il noto  sito archeologico di L'Anse aux Meadows conosciuto come la Baia delle Meduse (patrimonio UNESCO).

La grande tradizione di esplorazione da esploratori come Leif Erikkson e suo padre, Erik il Rosso, ha continuato in epoca moderna, esemplificata da uomini come Fridtjof Nansen, Roald Amundsen, e Thor Heyerdahl.

Molti vichinghi, dopo le lunghe spedizioni e conquiste tornarono a casa, e questo incontro con l'Europa occidentale è stata determinante per l'unificazione e la cristianizzazione della Norvegia. Nella seconda metà del IX° secolo il capo vichingo Harald I Bellachioma, della zona del fiordo di Oslo, gestito in alleanza con i capi della Frostatingslag e parte del Gulatingslag, riuscì a pacificare la costa occidentale. La battaglia finale si svolse a Hafrsfjord, vicino a Stavanger, tra il 872 e il 900, dopodiché si proclamò re Harald di Norvegia. Suo figlio e successore, Erik I detto il sanguinario (così chiamato perché aveva ucciso sette dei suoi otto fratelli), governò tra il 930-935. Venne  sostituito dal suo unico fratello superstite, Haakon I il Buono, che fu indotto alla conversione cristiana da colui che viene identificato come il primo 'de facto' re d'Inghilterra, Atelstano.  Nel frattempo Erik si recò in Northumbria, in Inghilterra, dove fu scelto come sovrano.

Haakon I è considerato anche il primo re missionario della Norvegia, ma i suoi tentativi fallirono e morì in battaglia nel 960. I capi vichinghi stabilirono rapporti con le monarchie cristiane e la Chiesa, soprattutto in Normandia e in Inghilterra. Così Olaf I Tryggvason, un discendente di Harald Bellachioma, condusse una spedizione vichinga in Inghilterra nel 991. Egli fu battezzato e tornò in Norvegia nel 995, sostenendo di essere re e di essere riconosciuto come tale, lungo la costa, dove il cristianesimo era già noto. Queste aree furono cristianizzate da Olaf, con mezzi pacifici ma anche con la forza; mandò missionari in Islanda, dove la nuova religione venne adottata dal parlamento (Althing) nel 999-1.000.

Quindici anni dopo un altro discendente di Harald Bellachioma, Olaf Haraldsson II, che era tornato dall'Inghilterra, venne riconosciuto come re tutta la Norvegia, comprese le aree interne. Olaf lavorò  per aumentare il potere reale e completare la cristianizzazione del paese. Così facendo, alienò i primi capi vichinghi, che invocarono Canuto di Danimarca (divenuto sovrano d'Inghilterra) per chiedere aiuto. Olaf venne ucciso in battaglia con i danesi a Stiklestad nel 1030.

Dopo il XI° secolo i capi vichinghi divennero una figura del passato. Norvegia e Svezia non avevano più la forza per l'avventura esterna, e la Danimarca diventava sempre più una potenza conquistatrice, in grado di assorbire gli elementi più turbolenti della sua popolazione nel proprio esercito reale. Olaf Haraldsson II di Norvegia, fu praticamente l'ultimo capo ultimo vichingo secondo la vecchia tradizione indipendente.

Canuto di Norvegia si rivelò ben presto impopolare tra i capi e con il sostegno dei vescovi, il defunto re Olaf divenne St. Olaf, il santo patrono della Norvegia. Con la morte di Canuto nel 1035, il giovane figlio di Olaf, Magnus, venne eletto re. Gli successe nel 1047 da suo zio Harald III Sigurdsson (Harald Hardraade), un ex comandante dei vichinghi nella guardia imperiale di Costantinopoli. Harald fu ucciso durante un vano tentativo di dominare l'Inghilterra nel 1066, nella battaglia di Stamford Bridge.

Dell'XI secolo il nuovo sistema semi-feudale divenne radicato in Scandinavia. Le cronache narrano dei tentativi scandinavi di combattere i vichinghi dalle rive orientali del Mar Baltico, portando la partecipazione danese e svedese nelle Crociate del Baltico durante i secoli successivi, contribunedo inoltre allo sviluppo della Lega Anseatica.

Voli economici per la Norvegia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...